|

Effetti del drenaggio linfatico manuale (DLM)

A seguito di una sessione di massaggio, si ha generalmente una riduzione del dolore, del senso di “pesantezza” e della tensione cutanea nell'arto affetto da linfedema

Gli effetti benefici promossi dal DLM sono numerosi e generalmente a carico del sistema nervoso, dei muscoli lisci, del movimento dei fluidi nel tessuto connettivo e si ritiene abbia pure un influenza sul sistema immunitario (sebbene questo non sia ancora stato dimostrato). Attraverso l'effetto di pompaggio e distensione provocato sui vasi linfatici, il metodo di DLM sviluppato dal Dr. Vodder stimola la contrazioni dei vasi aiutando così il deflusso dei liquidi accumulati ed il drenaggio del tessuto connettivo.

Apertura delle anastomosi linfatiche


I vasi linfatici collettori, appartenenti ad una determinata area anatomica, sono spesso connessi ai vasi linfatici che drenano verso i linfonodi attraverso piccoli vasi privi di valvole.

La connessione fra i collettori permette alla linfa di scorrere da un area con alto carico verso un “territorio” a minor carico, distribuendo così i fluidi accumulati in più aree e verso altre stazioni linfonodali.

Nei tessuti sani, queste anastomosi sono dormienti, e la loro presenza è quasi impossibile da determinare, fino a quando le fluttuazioni di pressione fra i vasi collettori differiscono sufficientemente da forzare il movimento della linfa al loro interno.

I vasi dormienti possono aprirsi spontaneamente in seguito ad un danno al sistema di vasi linfatici o dei infonodi ed il flusso al loro interno può avvenire in entrambe le direzioni.

Questa redistribuzione automatica del carico linfatico può in parte spiegare l'assenza di Linfedema in molte pazienti dopo intervento di asportazioni di linfonodi, come nel caso del trattamento del tumore mammario.

Uno degli obiettivi principali nel trattamento preventivo è perciò quello di favorire e supportare il movimento dei fluidi attraverso queste reti alternative.

 

Aumento dell'assorbimento da parte dei vasi linfatici iniziali

 

Le proteine contribuiscono in larga misura all'accumulo di fluidi nei tessuti, aumentando la pressione osmotica.

Il DML in pratica agisce in parte rimuovendo in parte le proteine dai tessuti portandole all'interno dei capillari linfatici iniziali.

La pressione nei tessuti viene in questo modo ridotta determinando la riduzione dell'edema.

Dilatazione dei vasi linfatici

L'innervazione simpatica del muscolo liscio nei vasi linfatici collettori provoca la loro vasocostrizione.

Quando il tono simpatico è alto, il flusso linfatico può essere inibito. Il DLM riduce l'attività simpatica e quindi determina la dilatazione dei vasi linfatici aumentando la portata. I linfangioni (le unita' contrattili dei vasi linfatici), espandonosi attivano un recettore meccanico sensibile allo stiramento il quale determina la contrazione della struttura ed il conseguente svuotamento del vaso nel linfangione successivo attraverso la valvola. L'attività di pompaggio dei vasi collettori è aumentata grazie all'applicazione del DLM e questi effetti possono durare per diversi giorni.

Altri effetti sistemici

 

Il DLM ha effetti altrettanto importanti nella riduzione dei sintomi sistemici dello stress. Come già detto, il massaggio ritmico e delicato riduce il tono simpatico e favorisce il trasporto linfatico generale, permettendo il corretto funzionamento del sistema immunitario, facilitando la digestione e riducendo numerosi altri sintomi relativi allo stress stesso.

La riduzione nei sintomi dolorosi, ottenuta probabilmente attraverso l'inibizione della radice del ganglio posteriore dei nervi, viene rinforzata, a livello tissutale anche attraverso la rimozione dell'eccesso di mediatori dell'infiammazione.